Sei qua
Homepage > Vini Bianchi > Gewürztraminer Castelfeder Vom Lehm 2015

Gewürztraminer Castelfeder Vom Lehm 2015

Castelfeder Vom Lehm 2015

NON SOLO GEWÜRZTRAMINER, MA VINO COME PASSIONE DI FAMIGLIA

Castelfeder Vom Lehm 2015

E’ una passione che dura da 3 generazioni quella della famiglia Giovanett, da quando il nonno Alfons decise di costruire la sua azienda vinicola, capitanata dal 1989 dal figlio Günter. L’azienda si trova nella Bassa Atesina, la zona più a Sud dell’Alto Adige, proprio sul percorso della splendida Strada del Vino che unisce tutte le migliori zone vinicole dell’Alto Adige.

La Strada del Vino è stata fondata nel 1964 e rappresenta uno dei primi esperimenti di questo tipo in Italia: già all’epoca la regione si proiettò nel futuro con un occhio di riguardo verso l’esigenze del turismo, anche di quello specializzato come l’enogastronomico.

Castelfeder si trova a Cortina, quasi alle porte d’ingresso di questa lunga strada che, attraverso le varie vallate della regione, tocca molte località divenute famose e conosciute grazie ai loro vini come Caldaro, Termeno e Magrè.

La produzione di Castelfeder segue la tradizione altoatesina toccando con sapiente mano tutta l’ampelografia: Gewürztraminer ma anche Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Müller Thurgau, Kerner, Sauvignon e Moscato Giallo per i bianchi, senza dimenticare che anche i rossi vogliono raccontare la loro storia parlandoci di Schiava, Lagrein, Pinot Nero, Merlot e Cabernet.

L’UVA AROMATICA PER ECCELLENZA

Castelfeder Vom Lehm 2015Ma visto che si parla di Gewürztraminer facciamo due cenni doverosi a quest’uva famosa non solo per il suo nome ma anche per qualità del tutto particolari. E’ un vitigno dal nome strano ( anche difficile da pronunciare per qualcuno ) che ha un nome composto, formato dall’unione di Gewürz, speziato, e Traminer, Termeno, come la zona di origine di questo antico vitigno di montagna.

Fa parte del club delle uve aromatiche, vitigni che sviluppano una aromaticità così spiccata e ben delineata da essere riconoscibili già al primo olfatto. Alcuni Gewürztraminer possono essere fin troppo “invadenti” per l’olfatto, dimostrando un carico di sentori molto potenti, uniti tendenzialmente a una nota alcolica importante che, in rari casi, scende sotto i 14%.

Non si può sottovalutare il motivo per cui si sia ambientato molto bene a queste latitudini: ha un’ottima resistenza anche ai climi più rigidi, oltre a grandi escursioni termiche, e si sviluppa bene in caso di terreni misti argillosi/calcarei come quelli presenti in gran parte del Alto Adige. Le Dolomiti lasciano il segno, non solo per lo spettacolo naturale ( tra l’altro Patrimonio dell’Unesco ) ma anche per quello che apportano al vino. In Alto Adige le piante della vite assumono moltissimi nutrienti dalle profondità di quel terreno, in cui sono costrette ad andare, vista la particolare porosità e la conseguente profondità delle varie falde acquifere.

AROMATICO SI, MA ANCHE FINE, ELEGANTE E CALDO!

Castelfeder Vom Lehm 2015

Quando si degusta un Gewürztraminer ci sono caratteristiche significative del vitigno che ci aspetta di trovare, aldilà di ogni ragionevole dubbio. Una di queste è il giallo dorato carico e intenso, così come una bella struttura che spicca grazie ai numerosi archetti e lacrime che si vedono nel bicchiere quando lo si fa roteare.

Seconda caratteristica: la forza d’impatto con l’olfatto e anche questa è presente nel Vom Lehm 2015! C’è un però, ma positivo. Non è solo intensità ma anche complessità e finezza quelle che sorprendono: sarebbe fin troppo semplice puntare solo sulla potenza, è la caratteristica vincente e naturale di ogni Gewürztraminer e non basterebbe per convincermi della bontà del vino.

Allarga i confini dell’intensità senza andare a oltrepassare la sottile linea dell’eleganza a tutto campo che il terroir dell’Alto Adige riesce a donare ai propri vini. Non c’è bisogno di dire che i primi posti tra i sentori appartengono ai frutti: albicocca, ananas, lichi, un pizzico di banana matura e agrumi dolci. Poi allarga quasi subito anche su un apporto floreale sempre a tendenza dolce che si unisce al ricordo lontano del miele, prima della cannella e del pepe che portano alta la bandiera del “gewurz”.

QUESTO GEWÜRZTRAMINER CONTINUA A STUPIRMI

Quando entra nel palato è impossibile rimanere indifferenti al calore sprigionato fin dai primi attimi, che solo in seconda battuta lascia spazio alla giusta dose di freschezza, affaticata nel cercare di prendersi il ruolo più importante. Un contributo maggiore per controbilanciare l’alcol viene piuttosto dalla sapidità che porta nel palato l’influsso di quel terroir calcareo di cui parlavo prima, creando una ricordo minerale che dà una bella salivazione limacciosa. Per fortuna continua a bagnare il palato per molti secondi, allungando così un pò la vita anche all’acidità.

Castelfeder Vom Lehm 2015

Non è messo in discussione neppure l’alto livello di intensità visto come conquista il palato grazie a un’energica forza che rasenta l’ottimale equilibrio tra potenza ed eleganza, fermandosi un attimo prima di entrare nello smisurato campo dell’invadenza.

Mi piace anche alla voce persistenza perchè sa come allungare le proprie qualità per farle ben percepire al palato. E’ lungo quel tanto da entrare di diritto nella fascia dell’alta persistenza, quella che conta e che dà importanza.

Chiude bene il finale di bocca riportando alla mente la pasta gialla e ben matura dei frutti senza mai nascondere quel tono alcolico che fa da legante per tutte le altre sensazioni.

E’ un vino che non si spingerà avanti nel tempo per molti anni ma fin tanto che avrà il giusto bilanciamento, saprà giocar bene le sue carte per farsi apprezzare nella sua interezza.

INFO: CASTELFEDER | CORTINA ( ALTO ADIGE ) | www.castelfeder.it

di MORRIS LAZZONI

VinoperPassione

Il vino è semplice da capire, basta avere passione

www.vinoperpassione.com

27 Febbraio 2017. © Riproduzone riservata

 

Lascia un commento

Top