Sei qua
Homepage > Vini Rossi > Mazzei Fonterutoli Chianti Classico 2010

Mazzei Fonterutoli Chianti Classico 2010

Marchesi Mazzei Fonterutoli 2010

MARCHESI MAZZEI, DAL 1435 AI GIORNI NOSTRI

Dovendo recensire questo vino non posso non fare un piccolo accenno alla tenuta, Castello di Fonterutoli, di proprietà della famiglia Mazzei che si occupa di vino dal lontanissimo 1435.

La tenuta Fonterutoli e l’omonimo borgo sono nelle vicinanze di Castellina in Chianti nel “cuore” del territorio del Chianti Classico. L’azienda si estende per 650 ettari e dà origine a varie cru, diverse l’una dall’altra per uvaggi e selezioni.

LA DEGUSTAZIONE

Oggetto di questa mia degustazione è il Chianti Classico DOCG Fonterutoli 2010. Originato dalla selezione di ben 120 parcelle a netta prevalenza di Sangiovese ( 90% ) unito a Malvasia nera, Colorino e Merlot che si spartiscono il restante 10%.

Si può dire che il Fonterutoli è “classicamente” un Chianti Classico. Presenta fin dalla vista e dal primo olfatto le caratteristiche tipiche di questa tipologia di vino. Bel rosso rubino vivo, buona consistenza nel bicchiere e discreta complessità aromatica.  Al naso presenta profumi di frutti rossi tendenti al maturo ( ciliegia, ribes, lampone ) uniti a presenza speziata ( cannella ) e ad una piccola nota che ricorda la tostatura del legno.

Al naso i profumi sono abbastanza intensi ma anche gentili, fini e presentano una pregevole complessità che nobilita il vino stesso. Al palato il Fonterutoli non smentisce quanto promesso al naso e mantiene intatte le proprie caratteristiche. È morbido, con un bel tono alcolico, con tannini presenti anche se ingentiliti dal passaggio in legno e dall’invecchiamento in bottiglia. Il tono alcolometrico ( 14% ) non infastidisce durante la degustazione. È ben coadiuvato da una discreta freschezza e da una rotondità in bocca che lascia armonia e piacevolezza per molto tempo.

CONCLUSIONI

E’ un vino che si fa bere con estrema piacevolezza e che mantiene le proprie promesse con eleganza e morbidezza. Cede nel finale ad un retrogusto accennato di liquirizia e grani di caffè. Può essere il vino ideale da accompagnare a piatti di carne grigliata, a stufati non eccessivamente speziati. Oppure anche a formaggi stagionati che troverebbero nella morbidezza del vino un ottimo contraltare di bilanciamento.

Per info: Marchesi Mazzei S.p.a. Agricola | www.mazzei.it

di MORRIS LAZZONI

VinoperPassione

Il vino è semplice da capire, basta avere passione

vinoperpassione2015@gmail.com

9 Gennaio 2016. © Riproduzione riservata

 

 

Lascia un commento

Top