Sei qua
Homepage > Degustazioni > Petra Quercegobbe 2011, un vino da artista

Petra Quercegobbe 2011, un vino da artista

Petra Quercegobbe 2011

IL MERLOT DI PETRA È DI CASA A SUVERETO

Petra Winery

Tenevo da tempo in cantina questa bottiglia, assieme ad un’altra di “Alto” e ” Potenti” sempre della stessa azienda. Feci una visita a Petra a seguito di una speciale ricorrenza e fu l’occasione di acquisto. Non mi capita spesso di acquistare vini direttamente in cantina. In questo caso vuoi per la piacevole visita effettuata, per l’atmosfera rilassata che si era venuta a creare e per la difficoltà nel reperirli nei canali tradizionali, decisi di acquistare quel trittico esplosivo!

PETRA, UNA CANTINA DA MILLE E UNA NOTTE

Cantine Petra Winery

Credo sia doveroso spendere qualche  parola per presentare Petra. È una cantina di recente costruzione (finita nel 2003 ) e di proprietà della famiglia Moretti, conosciuta per la più rinomata cantina Bellavista in Franciacorta ( BS ). Petra sorge sulle colline di Suvereto, nella bassa Toscana, più precisamente, in Val di Cornia. Una zona che può vantare spettacoli paesaggistici di notevole spessore assieme ad un clima ideale per la produzione vitivinicola.

Petra è ad alto tasso scenografico ( come si può intuire da alcune foto inserite nell’articolo ) ed ideata dall’architetto svizzero Mario Botta. Attraverso le proprie idee ed “appoggiandosi” ad una base territoriale naturalmente predisposta, ha colto nel segno. Ha disegnato una cantina dalle proporzione e linearità a dir poco splendide.

Ma veniamo al nostro vino, Quercegobbe 2011. Come gli altri due vini di Petra nominati in precedenza ( Alto e Potenti ) Quercegobbe è un vino creato in “purezza” al 100% Merlot. Alto invece è in purezza Sangiovese e Potenti in purezza Cabernet Sauvignon.

DEGUSTAZIONE

Petra Quercegobbe 2011

Partiamo dalla considerazione che il Merlot è uno dei vitigni maggiormente usato a livello mondiale. Dà i natali anche a splendide creazioni nella zona di Bordeaux, riuscendo a meravigliare con la sua naturale predisposizione a creare vini di classe ed antologia. Il Merlot è un vitigno che ben si presta all’invecchiamento in botte. Riesce a donare eleganza e piacevolezza anche quando viene “aggiunto” in compagnia di altri uvaggi. Come alcuni maggiormente tannici oppure un pò più ruvidi.

Il Merlot  ha trovato nei terreni della Val di Cornia anche un habitat simile a quello “ideale”, cioè le colline di Bordeaux. Anche in Val Cornia è presente un terreno di stampo argilloso, unito a molteplici residui di metalli. Ciò è dovuto alla vicinanza alle colline metallifere che hanno reso famosa l’Isola d’Elba.

Quercegobbe 2011 è anche un vino “coccolato” dall’azienda. Subisce un affinamento di 15 mesi in botte, sia demi-unit da 600 litri che barriques e, successivamente, altri 10 mesi in bottiglia. E’ un vino complesso ed elegante nel proprio insieme. Si presenta di un bel rosso rubino intenso, esprimendo la propria nota caratteristica, dovuta al Merlot, di frutta rossa ( lampone, mora, amarena ) particolarmente vivace e ben presente.

Barriccaia Petra Winery

È CARICO E PIENO QUESTO PETRA

Il sentore fruttato ben si abbina alle spezie che si percepiscono fin da subito e che riescono quasi ad esaltare i sapori fruttati del vino. In sottofondo si può notare una piccola nota erbacea che non sfigura abbinata ad una ben presente tannicità. Rimane comunque fine e smorzata rispetto alla “toscanità” ben riconoscibile di un Sangiovese. Si percepisce il calore del vino ma anche la freschezza che ci fa salivare in bocca e che rende l’esperienza della beva molto piacevole e “morbida”. E’ un vino che dà sensazioni setose e che si fa apprezzare anche per la leggera nota acidula. Non stona all’interno dell’insieme fatto di armonia, complessità e varietà di profumi.

Si ha ben chiara in sottofondo la carica alcolica del vino ma l’insieme, nonostante sia un vino corposo ( 14,5% ) risulta morbido ed armonico. Lascia ben presagire per un ulteriore affinamento in bottiglia di almeno 1/2 anni. Questo è sicuramente un complimento per un prodotto che, già adesso, si fa ben apprezzare. Potrebbe solo che migliorare, smussando ancora un po’ le note acidule che restano in retrogusto.

Di sicuro un vino da consigliare a pieno titolo e che si può apprezzare anche senza carni robuste, in quanto la sua setosità, armonia ed eleganza gli permettono di fare bella figura anche abbinato a pietanze meno grasse o corpose.

 Info: Petra Winery | Suvereto ( LI ) | www.petrawine.it

di MORRIS LAZZONI

Foto di SABRINA BIAGI

VinoperPassione

Il vino è semplice da capire, basta avere passione

vinoperpassione2015@gmail.com

16 Ottobre 2015. © Riproduzione riservata

Lascia un commento

Top